Investimento di 1 miliardo di dollari in Italia

Grazie alla decisione del governo di annullare la tassa municipale di 2,5€ dal 01 settembre e la modifica delle linee guida aeroportuali che permetteranno agli aeroporti regionali di competere con quelli di Roma e Milano, Ryanair promette un investimento di un miliardo di dollari entro il 2017 in Italia.



Nell'ottica di questo investimento sono previsti l'inserimento di 10 nuovi aeromobili, 44 nuove rotte di cui 21 su Roma e Milano e ulteriori 23 negli altri aeroporti italiani.

Questo comporterà l'aumento di circa 3 milioni di nuovi passeggeri e la creazione di oltre 2.000 posti di lavoro.

Michael O’Leary di Ryanair ha dichiarato: “Siamo estremamente grati al presidente del consiglio Renzi e al Ministro dei Trasporti Delrio per l’adozione di queste misure atte a favorire la crescita del turismo italiano; crescita che sarebbe stata persa, in favore di altri paesi dell’UE, se l’aumento della tassa comunale non fosse stato annullato, e le linee guida aeroportuali non fossero state riformulate per conformarsi alle norme comunitarie".

Graziano Delrio ha aggiunto: “Il Governo Italiano continua nel percorso di allineamento con le norme europee, per aumentare i sevizi ai cittadini e creare opportunità per tutti gli investitori. Salutiamo positivamente il piano industriale 2017 di Ryanair, che permette più voli, più opportunità al turismo in Italia e soprattutto più occupazione”.

Il presidente dell’ENAC, Vito Riggio, infine, ha dichiarato: “Lo sviluppo del trasporto aereo costituisce un obiettivo primario per coadiuvare la crescita economica dell’intero sistema Paese. Viviamo in un’epoca in cui il riferimento non è più quello nazionale ma, soprattutto per il trasporto aereo e per le regole che lo governano, è quello dell’Europa, sempre nel rispetto dell’equa competitività e dei diritti dei passeggeri. I piani di sviluppo, come quello di Ryanair e degli altri vettori operanti in Italia sono per Enac occasione di crescita e di ulteriore impegno per la sicurezza e la qualità".



Seguici su Facebook

 

Social

       

Info & Privacy

Chi siamo

Disclaimer

Privacy Policy

Informazione Cookie

Contatti